Chi è il proprietario della rete fognaria a Brunico e quali attività svolge l'Azienda
Pubbliservizi ?

La rete fognaria è di proprietà del Comune di Brunico.

Dopo la realizzazione di nuovi allacci privati l'Azienda emette il certificato di collaudo, il quale è necessario per il rilascio della licenza d'uso da parte del comune.

L'Azienda Pubbliservizi effettua la manutenzione e la pulizia delle condutture pubbliche dopo l'avvenuto collaudo.

Il canone fognario viene riscosso dall'Azienda Pubbliservizi per conto del Comune di Brunico e trasferito interamente allo stesso.

[ inizio pagina ]

Quale procedura deve essere osservare se si desidera realizzare un nuovo allacciamento refluo ?

Un allaccio alla fognatura pubblica può essere effettuato solo dopo l'approvazione da parte del Ufficio Manutenzione del Comune di Brunico e dell'Azienda Pubbliservizi. L'inizio di esecuzione dei lavori deve essere comunicato all'Azienda Pubbliservizi. Il proprietario dell'immobile deve eseguire l'allaccio a proprie spese.

[ inizio pagina ]

Chi esegue e certifica il collaudo di un nuovo allacciamento ?

L'intera tubazione di allaccio è sottoposta al collaudo da parte del Comune o dell'Azienda Pubbliservizi.
Il proprietario/esecutore dell'allaccio è obbligato a dare tutte le informazioni per il collaudo della tubazione ed a garantire l'accesso all'interno della sua proprietà per un eventuale controllo. Tutte le condotte di allacciamenti, i pozzetti di ispezione, le canalette di drenaggio e gli eventuali impianti di pretrattamento vanno sottoposti a prove di tenuta sia dopo la posa che dopo eventuali modifiche in conformità alla norma europea UNI EN 1610.

La corretta esecuzione degli allacciamenti privati è da verificare con dei test di fumo di segnalazione (verifica, se viene immessa acqua piovana nella fognatura nera) o con prova con tracciante (verifica, se viene immessa acqua reflua nella fognatura bianca).

Il proprietario/esecutore dell'allaccio ha l'obbligo di un utilizzo lecito della tubazione di allaccio e deve effettuare una manutenzione appropriata. Egli è responsabile nei confronti del Comune in caso di danneggiamento delle condotte principali scaturito da un utilizzo non conforme alla normativa in vigore o una manutenzione insufficiente della tubazione di allaccio. I costi relativi sono a carico del proprietario.

[ inizio pagina ]

Quali caratteristiche deve avere un nuovo allaccio ?

Il tracciato della tubazione da allacciare non deve passare all'interno di terreni privati.
Se possibile si deve scegliere la tubazione principale più nuova per l`allaccio.
Il tracciato della tubazione di allaccio deve essere sostanzialmente rettilineo.
In caso di cambi di direzione superiori a 45° si deve prevedere una possibilità di ispezione oppure due curve di gradazione minore (15°).
Una tubazione può confluire in un'altra solo tramite un corretto innesto (braga) o all'interno di un pozzetto d'ispezione.
Il diametro del tubo non deve diminuire nella direzione di scorrimento.
Le tubazioni d'acque nere non possono passare all'interno di locali con particolari norme igienicosanitarie.
Ogni tubazione di allaccio deve avere una profondità che la rende resistente al gelo e deve essere protetta da assestamenti.
L'installazione di sifoni non è ammessa.
Il diametro di ogni tubazione è da calcolare in modo che la quantità di acque nere accumulate venga smaltita correttamente. Il diametro minimo della tubazione di allaccio deve misurare 150 mm, quello della tubazione di caduta 125 mm.
Per prevenire intasamenti deve essere garantita una pendenza minima di 1,0 %.
Tubazioni in cls con giunto a bicchiere non sono ammessi per la posa della tubazione di allaccio.
Prima dell'innesto nella tubazione principale deve essere posato un pozzetto di controllo per acque bianche e nere da garantire un controllo, la possibilità di un eventuale spurgo ed una manutenzione periodica.
L'innesto della tubazione di allaccio deve avvenire all'interno di un pozzetto della condotta principale.
Se i pozzetti d'allaccio si trovano all'interno di una proprietà privata si deve richiedere l'approvazione del proprietario per potere eseguire i lavori.
L'innesto nel pozzetto principale deve avvenire tramite carotaggio.
L'innesto deve essere praticato in direzione di scorrimento della condotta principale.
L'innesto deve essere fatto in prossimità del fondo del pozzetto e non lungo la parete dello stesso.
L'innesto deve essere integrato nel fondo del pozzetto, se non è possibile il carotaggio deve essere eseguito al di sopra dell'entrata della tubazione principale nel fondo del pozzetto.
Le acque bianche possone defluire in pozzi perdenti. Attenzione alle zone di rispetto!
In caso di allacci a tubazioni di acque miste è consigliabile una divisione di acque bianche e nere all'interno della proprietà privata per semplificare un futuro allaccio ad una rete di acque separate.

[ inizio pagina ]

Quando è obbligatorio installare un separatore di liquidi o grassi e a quale conduttura devono essere allacciati?

Per autorimesse con 100 o più posti auto, nelle quali non vengono svolte riparazioni meccaniche, né attività di manutenzione e lavaggio (con esclusione delle autorimesse pubbliche con una capienza superiore a 300 posti), gli scarichi a pavimento e le rampe di accesso vanno allacciati alla rete fognaria nera o mista previo pretrattamento con idoneo impianto di separazione per liquidi leggeri conforme alla normativa europea UNI EN 858.

Per cucine e mense per la preparazione di più di 200 pasti al giorno, è  prescritto il pretrattamento delle acque reflue tramite un impianto per la separazione di grassi conforme alla normativa europea UNI EN 1825.
Il residuo dai separatori di grassi deve essere smaltito da ditte autorizzate. A comprova del regolare smaltimento del residuo, la documentazione che attesta l'avvenuto smaltimento va conservata per la durata di 5 anni.

Disoliatori devono essere allacciati alla tubazione delle acque nere (acque miste).

[ inizio pagina ]

È consentito il lavaggio di veicoli nel cortile di casa ?

Sia su area pubblica che privata, è vietato il lavaggio di veicoli a motore e macchinari, sia esso ad uso pubblico che privato al di fuori delle aree o presso le stazioni di lavaggio appositamente attrezzate.

[ inizio pagina ]

Quali sostanze non possono essere smaltire nella canalizzazione ?

L'acqua di scarico deve avere una qualità tale, da non danneggiare o compromettere il funzionamento e la manutenzione della rete fognaria e dell'impianto di depurazione. In particolare è vietato introdurre le seguenti sostanze in rete fognaria:
a) gas e vapori;
b) sostanze tossiche, infiammabili, esplosive, radioattive e infettive;
c) effluenti di allevamento (liquami, liquiletame,letame);
d) materiali che possono provocare l'otturazione della rete fognaria, come ad esempio ghiaia, sabbia, calcinacci, rifiuti, cenere, scorie, scarti di cucina, scarti di macellazione, stracci, residui di fosse settiche, separatori di grassi e disoleatori ecc.;
e) sostanze dense e pastose;
f) oli, grassi, bitume ed emulsione di catrame;
g) ......................säure- und alkalische Flüssigkeit in schädlichen Konzentrationen;
h) acqua contenente cemento proveniente da cantieri rispettivamente acqua di pulizia e di lavaggio di impianti per la preparazione di calcestruzzo e malta.

[ inizio pagina ]

Azienda Pubbliservizi Brunico | Anello Nord 19, I-39031 Brunico | Codice fiscale e P. IVA IT00734480213 - REA 90822 | Tel +39 0474 533 533 | Fax +39 0474 533 538 | info(at)pubbliservizi.it